Ci presentiamo

L’associazione è stata fondata il 15 aprile 2015 da otto giovani studiosi, che si occupano di medioevo piemontese a livello multidisciplinare. Il nostro scopo principale è quello di creare uno spazio di incontro, aperto sia agli studiosi sia agli appassionati, per promuovere la conoscenza di un’epoca che in Piemonte ha lasciato testimonianze di grande importanza. Ciò è possibile attraverso la collaborazione con tutti i soggetti che si occupano a vario titolo dell’argomento: le Università, le Soprintendenze, i Musei, le Società Storiche e le Associazioni, le istituzioni ecclesiastiche, gli enti locali, le guide turistiche abilitate, i volontari addetti all’apertura e alla fruizione dei monumenti.

Inizialmente le nostre attività si concentreranno sulla realizzazione di itinerari nei quali saranno visitati luoghi di notevole rilevanza per il medioevo piemontese e sulla collaborazione a progetti divulgativi. In un secondo tempo ci dedicheremo anche a iniziative specialistiche.

Stampa Email

Il Consiglio direttivo

Simone Caldano, Presidente

caldanofotoSi è laureato in Lettere moderne nel 2005 presso l’Università degli Studi di Pavia, con Anna Segagni Malacart e Luigi Carlo Schiavi. In seguito ha frequentato la Scuola di Specializzazione in Storia dell’Arte dell’Università degli Studi di Milano, conclusa nel 2010 (tutor Paolo Piva), e ha conseguito un dottorato in Storia dell’architettura e dell’urbanistica presso l’Università IUAV di Venezia (tutor Massimo Bulgarelli). Si occupa dell’architettura in Piemonte, Lombardia e Liguria tra X e XV secolo, con attenzione per la storia delle istituzioni ecclesiastiche e dell’insediamento. Le sue ricerche sono focalizzate principalmente sull’architettura romanica nel Piemonte orientale e sul Trecento lombardo. Ha pubblicato, tra l’altro, la monografia La basilica di San Giulio d’Orta (Savigliano 2012).

 

Silvia Beltramo, Vicepresidente

silviabeltramoArchitetto, assegnista di ricerca e docente a contratto in storia dell’architettura e del paesaggio. Dal 2000 è specialista e dottore di ricerca (2004) in storia dell’architettura. Svolge attività di ricerca nell’ambito della storia della città e dell’architettura in età medievale e moderna con particolare attenzione allo studio del paesaggio storico e delle tecniche costruttive.
È autore di numerosi libri, saggi e articoli sui temi della storia urbana e dell’architettura medievale e moderna in Piemonte e in Italia, pubblicati anche in ambito internazionale. Tra i quali con P. Cozzo, L'accoglienza religiosa tra tardo antico ed età moderna. Luoghi, architetture, percorsi, Viella, Roma 2013, L’abbazia cistercense di Santa Maria di Staffarda, L’Artistica, Savigliano 2010, e Stratigrafia dell’architettura e ricerca storica, collana Le Bussole, Carocci, Roma 2009. Dal 2010 è direttore con Carlo Tosco della collana L'architettura dei monasteri in Piemonte, L’Artistica, Savigliano.

 

Valentina Gili Borghet, Segretario

GiliBorghetfotoSi è laureata in Storia del Patrimonio Archeologico e Storico-Artistico presso l’Università degli Studi del Piemonte Orientale “Amedeo Avogadro” con una tesi sul rapporto tra architettura e liturgia nell’Abbazia di Fruttuaria. Si occupa in prevalenza di architettura monastica e canonicale dei secoli XI e XII nell’Italia nord-occidentale con particolare attenzione all’uso liturgico dello spazio. È dottoranda in Storia dell’Architettura e dell’Urbanistica presso l’Università Iuav di Venezia.

 

 

Alessandro D’Alfonso, Tesoriere

alessandrodalfonsoLaureato in Conservazione dei Beni Culturali presso l’Università di Parma con una tesi dal titolo “Insediamenti fortificati in Valsesia X-XIII secolo”, nel 2001 ha iniziato la sua attività di archeologo che lo ha portato a compiere scavi in Emilia Romagna, Lombardia, Veneto, Trentino Alto Adige e Piemonte. Tutt’oggi è impiegato presso la SAP-Società Archeologica s.r.l. di Mantova. Ha al suo attivo alcune pubblicazioni riguardanti la storia degli insediamenti medievali nelle province di Novara e Vercelli e su scavi effettuati in varie province della Lombardia.

 

 

Stella Ferrari, Consigliere

ferraristellaÈ dottoranda di ricerca in Storia dell’Arte Medievale presso l’Università Statale di Milano con una tesi sui monasteri femminili milanesi dalla loro fondazione al XIII secolo. Attualmente collabora alle Civiche Raccolte Artistiche del Castello Sforzesco ed è membro di SEIFMAR- Société d'Études Interdisciplinaires sur les Femmes au Moyen Âge et à la Renaissance. I suoi interessi si rivolgono in particolar modo all’architettura in relazione allo spazio liturgico e alla scultura romanica dell’Italia Settentrionale.

 

 

 

Gian Battista Garbarino, Consigliere

GarbarinofotoLaureato in archeologia medievale all’Università di Genova, ha proseguito gli studi alla scuola di specializzazione in archeologia tardoantica e medievale dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Si è occupato tra l’altro di incastellamento ed edilizia fortificata, storia degli insediamenti, architettura romanica tra Piemonte e Liguria. Ha partecipato a diversi scavi in Italia, Israele, Cipro e Francia. Attualmente, lavora presso la Soprintendenza Archeologia Piemonte.

 

Filippo Gemelli, Consigliere

GemellifotoNel 2010 si laurea in Scienze dei beni culturali presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università degli Studi di Pavia. Nel 2013 presso la stessa università consegue la laurea magistrale in Storia delle arti dall'antichità al contemporaneo, con una tesi di Storia dell'arte medievale sull'architettura cistercense. Dal 2014 è dottorando presso la Scuola di Dottorato IUAV, curriculum di Storia dell'Architettura; attualmente si sta occupando degli insediamenti francescani nella Lombardia duecentesca.

 

 

 

Michele Luigi Vescovi, Consigliere

VescovifotoÈ dottore di ricerca in Storia dell’Arte e dello Spettacolo (Università di Parma). Dopo un assegno di ricerca presso la medesima istituzione, ha vinto una lectureship presso la University of York (United Kingdom). Autore di numerosi saggi e articoli, ha esplorato diversi aspetti della produzione, trasmissione e fruizione d’immagini durante il medioevo: la sua prima monografia (‘Monferrato’ medievale: crocevia di culture e sperimentazioni) è stata pubblicata nel 2012 nella collana del Dipartimento dei Beni Culturali dell’Università di Parma.

 

 

 

 

Stampa Email

Lo Statuto

PIEMONTE MEDIEVALE è una Associazione di promozione sociale che "ha come scopo di promuovere gli studi storici, storico-artistici, archeologici, letterari, musicologici, etno-antropologici, paleoambientali e di ogni altra disciplina che indaghi il medioevo in Piemonte, nei territori limitrofi o, in ogni caso, in relazione ai territori piemontesi. Ha inoltre lo scopo di promuovere attività di taglio divulgativo, destinate ai non specialisti, quali conferenze, itinerari di visita, percorsi didattici, formazione e comunicazione, mediante ogni mezzo e canale, negli ambiti disciplinari qui sopra indicati." (Art. 3.2 dello Statuto).

 

Scarica lo Statuto dell'associazione PIEMONTE MEDIEVALE

 

Stampa Email

Iscriversi

05

Iscriversi è facilissimo.

Basta scaricare il modulo qui, compilarlo e inviarlo all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Le quote di iscrizione possono essere versate in occasione delle iniziative dell’associazione oppure versati tramite bonifico bancario utilizzando il seguente codice IBAN IT46V0335967684510700205280

 

 

 

 

Stampa Email